Cucina, musica, viaggi e decoupage...

mercoledì 2 maggio 2012

Torta umbra al testo

Ma si può avere il testo umbro da svariati anni ed averlo usato 1 sola volta??' Sono incorreggibile....faccio il diavolo a 4 se mi metto in testa di dover acquistare qualcosa......e poi rimane lì nel dimenticatoio!!
Ci voleva la Trattoria con il suo Abbecedario per farmelo rispolverare....e infatti qualche sera fa ho fatto la famosissima torta al testo e devo dire che non è venuta per nulla male!
Di ricette in rete ne ho letta svariate...alcune utilizzano il lievito altre no, alcune il bicarbonato, alcune l'olio e altre no...io alla fine ho deciso di provare la ricetta riportata proprio sulla bustina del lievito per quanto rigurada gli ingredienti...il procedimenti di impasto ho fatto a modo mio!

TORTA UMBRA AL TESTO

  
.......eccola in cottura.........

Ingredienit per una torta dal diametro di circa 26 cm:

250 gr di farina
3 gr di sale
3 gr di zucchero
7 gr di lievito 
1 5 gr di olio evo
circa 130 gr di acqua

Per farcire:
spinaci saltati in padella
crescenza
speck
 
 ......eccola cotta....... 

Setacciate la farina in una larga terrina, aggiungete lo zucchero ed il lievito e mescolate bene con una forchetta. Unite quindi l'olio e l'acqua poca alla volta (il quantitativo di acqua dipende dall'assorbimento della farina: potrebbe esserne necessaria di più oppure di meno rispetto al quantitativo che ho utilizzato io) e cominciate ad amalgamare sempre utilizzando una forchetta. Solo a questo punto aggiungete il sale. Versate l'impasto sulla spianatoia ben infarinata ed impastate fino ad ottenre una pasta che non appiccichi alla mani ma comunque morbida.
Posizionate la pasta in una ciotola infarinata, coprite con pellicola e fatela riposare in frigo per un'oretta.
Fate scaldare molto bene il testo, copritelo con un foglio di carta forno tagliato a misura e posizionateci la torta che avrete steso ad uno spessore di circa 1/2 cm.
Fate cuocere per una ventina di minuti (togliendo il foglio di carta negli ultimi 5 minuti) a fuoco bassissimo girando molto spesso la torta in modo che cuocia in maniera uniforme da entrambe le parte.
Tagliate in 4 spicchi e farcite come meglio preferite.

ECCO LE NOSTRE FARCITE

 .......per me: spinaci e robiola......
 
 ......per mio marito: speck......

Nota:
il foglio di carta forno l'ho utilizzato in quanto, la prima  e unica volta in cui ho utilizzato il testo ci avevo cotto una piadina a fuoco eccessivamente alto facendo bruciare tutto (sia il testo sia la piadina che è finita in pattumiera) .....ho provato in tutti i modi a togliere le parte annerite dal testo ma non tutte sono venute via....quindi per paura che la torta potesse bruciare con più facilità ho optato per frapporre nel mezzo un folglo di carta forno che ho provveduto a togliere 5 minuti prima del termine della cottura in modo che facesse un pò di crosticina. Vi dirò....per me è stata una soluzioe di ripiego ma che, con il senno di poi, vi consiglio di adottare...avrete una cottura più uniforme e senza il rischio di sgradevoli bruciature.

organizzato da Trattoria MuVara
e ospitato per questa lettera da  Cristina



Alla prossima...jambo jambo!!!

12 curiosoni:

Claudia ha detto...

ma è un'ottima idea questa!!!!! mis embra una focaccia sprint che ho fatto tempo fa cuocendola sulla piastra!! Mi piace questa con lo zucchetro nell'impasto!!! la proverò.. anche se non ho il testo... userò la piastra!!! smack

Meggy ha detto...

Che squisitezza!Davvero una preparazione ghiotta e versatile!Smack

marsettina ha detto...

che buona!

Silvia Macedonio ha detto...

Ho una cara amica di perugia che mi ha detto 1000 volte di assaggiarla, ma ti dico la verità non avevo idea di cosa fosse e non mi sono neanche informata!
Adesso invece ho proprio voglia di tornare in Umbria!
Mi sembra un'ottima alternativa al pane!
BUONA!

Roxy ha detto...

Claudia anche a me ha fatto venire in mente òla tua focaccia sprint.....baci cara

Roxy ha detto...

Meggy e Marsettina è buonissima!!

Silvia tornaci subito e prova questa torta!!!!

Giovyna ha detto...

Anch'io ho trovato questa ricetta sulla bustina del lievito Pizzaiolo PANEANGELI... Ma non ho capito tu come l'hai cotta... In padella o in forno?

http://latavolaallegra.blogspot.it

i5mondi ha detto...

la vera cresia o torta al testo è cotta sotto la cenere!!!
comunque a te è venuta benissimo ugualmente anche se la ricetta nn è proprio quella originale esatta!
la crecia è fatta solo con farina acqua sale , le ns nonne mettevano il bicarbonato, oggi si usa il lievito per pizze e torte salate istantaneo.
Poiper praticità oggi ci sono questi testi di ghisa che si scaladano sul fornello ma...se ticapita di venire dalle mie parti ti faccio l'originale....e....provare per credere!!
un bacio
www.i5mondi.it

Anastasia ha detto...

Roxi, cavoli, tu c'hai il testo e non lo usi??? Eh sì questa disattenzione la merita una tiratina d'orecchie!!! Io me ne sono perdutamente innamorata quando sono stata in Lunigiana la scorsa estate con mio marito, la cottura sul testo è divina! Bravissima! Un abbraccio stretto stretto!

Roxy ha detto...

Giovyna l'ho cotta sul fornello utilizzando il testo!!!

i5mondi....concordo che l'orginale è tutta un'altra cosa anche perchè ho avuto il piacere di mangiarla durante un soggiorno in Umbria qualche anno fa....ma mi accontento!!!1 Baci

Any mea culpa...sono incorreggibile!!!! BAci

Lory ha detto...

ciaooo...bellissime ricette, complimenti :)
Sto organizzsando un contest, chiunque voglia partecipare e' il benvenuto :)
baciiiiiiiiiiiiiiii....lascio il link

http://lory-dolcesalato.blogspot.it/2012/05/fantasia-con-gusto.html

Aiuolik ha detto...

Ecco la F di Foligno in tutto il suo splendore! Grazie per aver partecipato e continua a viaggiare con noi :-)

http://abcincucina.blogspot.com.es/2012/04/f-come-foligno.html

Ciau!
Aiu'